Agathe Singer
agathesinger.com


Agathe Singer è nata in Normandia ma vive a Parigi dove si è formata e ha lavorato come graphic designer in un’agenzia pubblicitaria fino al 2013. Successivamente ha intrapreso la carriera di illustratrice collaborando con prestigiosi brand come Galeries Lafayette, Parfumerie Fragonard, Grand Paris region e Arthur Arbesser. Il suo lavoro è stato esposto presso la galleria Sergeant Paper di Parigi che la rappresenta dal 2018.
EVENTI
IN PROGRAMMA

MOSTRA
Venerdì 13 → Giovedì 18
Ore 14.00 → 21.00
Laboratorio Formentini

TALK (eng)
Sabato 13
Ore 15.30 → 16.30
Laboratorio Formentini
Ospite → Rossella Locatelli (DOMUS fashion contributor, architect and partner at AOUMM-Milan)
Modera → Marco Sammicheli

Agathe Singer presenta una jungla sintetica di piante e fiori in cui colori e volumi alterano la percezione e il possibile riconoscimento della specie. La sua interpretazione della natura non è fiabesca ma una rappresentazione utopica e immaginifica che distrae e incanta. La pittura di Henri Rousseau detto il Doganiere risuona nel suo lavoro così come è possibile ritrovare quell’idea tipica del romanziere italiano Emilio Salgari che era capace di descrivere terre lontane senza esserci mai stato. Questi sono solo alcuni degli ingredienti di Singer nell’atto di illustrare. A MOSTRO presenta una selezione di lavori conosciuti e una produzione inedita dove flora e fauna scrutano il visitatore.
Francesco Barbaro
behace.net/barbarof


Francesco Barbaro è un graphic designer la cui ricerca si concentra sul rapporto tra grafica, tipografia e identità. Dopo gli studi in Industrial Design al Politecnico di Bari e quelli in Graphic Design all’ISIA di Urbino, ha vinto una borsa di studio messa in palio da MOSTRO per una residenza d’artista presso l’Ambasciata d’Italia a Copenhagen. Vive a Milano dove lavora presso lo studio FRAGILE.
EVENTI
IN PROGRAMMA

MOSTRA
Venerdì 13 → Giovedì 18
Ore 14.00 → 21.00
Laboratorio Formentini

TALK (ita)
Sabato 13
Ore 16.30 → 17.30
Laboratorio Formentini

Francesco Barbaro ha vinto la residenza d’Artista a Copenhagen organizzata lo scorso anno da MOSTRO e dall’Ambasciata d’Italia in Danimarca. Al festival presenta una rielaborazione espositiva di un progetto di ricerca svolto nella città di Matera tra il 2016 e il 2017. Tre archivi privati sono stati studiati e valorizzati da Barbaro per riportare alla luce un patrimonio di cultura visiva sepolto e nascosto. Un universo di cultura locale, storia dell’arte, tradizioni rurali che si sono fusi con naturalezza e spontaneità. Le vicende di tre personalità della città di Matera attive negli ultimi centocinquant’anni provenienti da associazioni culturali, professionismo e imprese locali diventano il pretesto per valorizzare legami, per sintetizzare un codice e per proporre una lettura di un contesto con nuove produzioni dell’autore. Barbaro presenta font, libri, immagini, rielaborazioni grafiche, poster, un ventaglio di proposte visive che presentano la ricchezza sconosciuta della città di Matera.
Marco Goran Romano
Goran Factory


Marco Goran Romano è un illustratore italiano. Svolge il suo lavoro nel suo studio a Jesi, una piccola cittadina nel cuore delle Marche, dove ha co-fondato insieme a Valentina Casali lo studio Sunday Büro, interamente dedicato al lettering, alla calligrafia e al type design. Precedentemente Goran ha lavorato come resident illustrator presso la redazione di Wired Italia, fianco a fianco con David Moretti. Nel corso della sua carriera ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti dalle principali riviste di settore come Communication Arts, Creative Quarterly and Print’s New Visual Artist. Goran ha iniziato il suo percorso professionale come graphic designer (e successivamente art director) presso Gold Streetwear, a Firenze. Nella stessa città, nel 2010, si è diplomato in Industrial Design presso l'ISIA, l'Istituto Superiore per le Industrie Artistiche.
EVENTI
IN PROGRAMMA

MOSTRA
Venerdì 13 → Giovedì 18
Ore 14.00 → 21.00
Laboratorio Formentini


TALK (ita) + COCKTAIL
Martedì 16 ottobre
Laboratorio Formentini
Ore 18.30


La filiera della grafica: i 30 anni di Viscom Italia con Mostro.
Ospiti → Massimiliano Pierini (Managing Director, Reed Exhibitions Italia) Paola Sarco (Exhibition Manager, Viscom Italia)
Modera → Maria A. di Pierro
Modera → Marco Williams Fagioli

Il talk presenterà una panoramica generale sulla nuova “filiera della grafica” rappresentata dalla trentesima edizione di Viscom Italia (dal 18 al 20 ottobre in Fieramilano) la fiera europea dedicata al mercato della comunicazione visiva e una preview della Mostra, “Food Fiction”, che si inaugurerà il 18 ottobre, excursus delle opere più importanti di Marco Goran Romano sull’immaginario del food (focus dell’edizione della fiera).
TALK (ita) + ESPOSIZIONE
Giovedì 18 ottobre
Viscom Italia.
Rho Fiera, Pad 8-12.

Ore 12.15 → 13.15


La dieta di Goran:
riti e immaginari di un designer.
Modera → Marco Sammicheli

Excursus delle opere più importanti di Marco Goran Romano sull’immaginario del food
Uroš Mihić
urosmihic.com


Uroš Mihić, designer di origine serba, Maestro di origami, grazie ai suoi studi di Architettura presso il Politecnico di Milano, ridefinisce l’antica arte del piegare la carta trasformandola in composizione geometrica nel susseguirsi delle pieghe. Nascono così oggetti di design che appaiono come sistemi logici di una bellezza minimale, micro- cosmi nei quali ogni piega definisce la nascita di un pianeta, di una stella. Ciascuna piegatura infatti è funzionale all’ordine di quel mondo iconico, in un virtuoso crescendo di forme che imitano ed interpretano il mondo animale, vegetale, architettonico in modo sorpren- dente ed inconsueto. La carta, materiale semplice e plasmabile perde la sua natura disarmata trasformandosi in oggetto pensante che conferisce ordine allo spazio in cui viene posto, divenendo così una finestra verso una dimensione altra dal tangibile, armonica ed essenziale. Designer cosmopolita ed al contempo artigiano, legato alla tradizione dell’alto artigianato italiano, Uros Mihic attraverso le sue opere esplora le rotondità del reale, le simula in geometrie perfette frutto di un lavoro minuzioso intessuto di una progettualità rigorosa e replicabile solo attraverso l’unicità delle piegature del suo creatore. Un rigore poetico che gli è valso collaborazioni eccellenti con brand del calibro di Armani, Cassina, Pomellato, Porro. Tra le installazioni si ricorda quella progettata per lo Ginza store di Ermenegildo Zegna a Tokyo e la rilettura del Duomo composta di libri commissionata dalla Triennale di Milano per Expo Gate. I suoi microcosmi cartacei inoltre possono essere ammirati in atelier, concept store come Pota- fiori, eventi dal respiro internazionale come il Salone del Mobile.
EVENTI
IN PROGRAMMA

WORKSHOP
Sabato 13 (parte 1)
Ore 10.00 → 18.00
Domenica 14
Ore 10.00 → 18.00 (parte 2)
Laboratorio Formentini
Allestire, comunicare, progettare
con gli origami


Il termine origami, dal giapponese oru “piegare” e kami “carta”, si riferisce all’antica arte di piegare la carta per dar vita ad oggetti, forme, animali, decorazioni e mostri. Partendo da un semplice foglio di carta (distribuito da Gruppo Cordenons Spa), attraverso il susseguirsi di pieghe e tecniche, possono prendere forma suggestive creazioni, sculture di carta. La tecnica può essere usata per allestimenti, inviti, biglietti da visita, poster. Il workshop si articola su due giornate, partendo da una parte introduttiva Sabato 13 sulla tecnica dell’origami, e la creazione di figure semplici, i partecipanti riceveranno via via i diagrammi degli origami spiegati e potranno creare, con la guida dell’insegnante, i propri origami rispettando il tema: mostri, draghi, animali fantastici.

Ogni spiegazione verrà fatta sistematicamente mostrando nel dettaglio le tecniche di piegatura della carta. Alla fine delle due giornate invitiamo i partecipanti a lasciarci i loro manufatti correlati da nome e cognome. A chi si rivolge? Il workshop è adatto a studenti e designer professionisti che vogliano cimentarsi con l’arte dell’origami.

Materiale richiesto
Forbici, colla, taglierino.

Modalità di iscrizione e costi
www.laboratorioformentini.it
Per maggiori info
info@mostro.design

→ Modulo d'iscrizione
Gala Fernández
galafernandez.com


Gala Fernàndez è un’artista e designer spagnola attiva in molteplici direzioni. Dopo aver vissuto e lavorato tra Madrid, Treviso, Londra, Boisbuchet, Berlino, Città del Messico e Marbella ora si è stabilita a Milano. Il suo lavoro spazia dalla scultura al design di prodotto e dalle arti visive all’illustrazione. Il suo amore per i pattern la sta portando a sperimentare la grafica su diversi supporti e materiali.
EVENTI
IN PROGRAMMA

MOSTRA
Venerdì 13 → Giovedì 18
Ore 14.00 → 21.00
Laboratorio Formentini

TALK (eng)
Sabato 13
Ore 17.30 → 18.30
Laboratorio Formentini
Ospite → Amanda Prada (Communications Division, City of Lugano, Art and Architecture correspondent for Vogue Italia)
Modera → Marco Sammicheli


Gala Fernandez è un’autrice che non teme le sfide. Artista, designer, grafica, docente, sperimentatrice di materiali, a MOSTRO racconta il suo mondo dove colori e linguaggi, codici e segni compongono un alfabeto visivo che lei applica a prodotti, carte da parati, vetri, oggetti. I segni di Gala sono si formano a valle di continue esperienze e viaggi tra Europa, America Latina e Asia. Il suo immaginario si deposita sulla pelle degli oggetti non come una texture ma come un balsamo che ne modella identità, forma e funzione. Il suo intervento si pone l’obiettivo di mostrare un metodo, un orizzonte di possibilità e di innesti generativi che riflettono l’universo creativo e creatore di Gala Fernandez.